NEWS e COSA SI DICE IN GIRO

Per essere aggiornato su tutte le novità clicca sul bottone NEWS

Strokes and strength

 

UB rowing program empowers breast cancer survivors

 

Story by Charlotte Hsu; photo by Douglas Levere, BA ’89

 

The most difficult year of Lisa DeMarco’s life began with a lump she discovered underneath her left armpit, and ended with chemotherapy, radiation and surgeries to remove her ovaries and both breasts. “I can liken it to a building that just implodes. That’s kind of how you feel inside,” DeMarco, BS ’90, a chiropractor in Depew, N.Y., says of her discovery in February 2008 that she had breast cancer.

 

Her loved ones, as well as chiropractic patients who cheered her on, helped her make it through the months of treatments, exams and operations that transformed her into a survivor in October of that same year.

 

As part of her rehabilitation process, DeMarco, 43, joined with UB in late 2009 to create a rowing program to help female cancer survivors build their strength and self–image. She hopes the group, WeCanRow–Buffalo, will help ensure that other cancer survivors don’t find themselves facing challenges alone.

 

DeMarco recalls the difference friends and family made during her own ordeal. They consoled her when she tested positive for a genetic mutation associated with increased risk for breast cancer. They stood by her when she opted to undergo a bilateral mastectomy and an oophorectomy to remove her ovaries, and, after it was all over, they helped her to heal.

 

“My support network was amazing,” DeMarco says. “And that’s really what gets you through it when life is as bare as it’s going to [get].

 

“That, to me, is what this is really all about. I had a great support network, and really what I’m hoping that this program can do is reach out to people,” DeMarco says. “It’s about survivorship. It’s about, ‘You know what? Let’s make our bodies as healthy as we can to continue to battle this disease.’

 

“You have to start rebuilding,” DeMarco says.

 

Each of more than a dozen women in WeCanRow–Buffalo is at a different stage of recovery. Those who have been cancer–free for longer inspire those who only recently beat the disease.

 

The group, a regional chapter of the national WeCanRow program that Olympic gold medalist rower Holly Metcalf founded in 2002, leverages UB’s strengths in athletics and public health to empower and promote healthy living among participants.

 

To begin, doctoral students in the UB Department of Rehabilitation Science, with guidance from Juli Wylegala, PhD ’05 & MS ’92, a clinical assistant professor, screened each WeCanRow-Buffalo member, identifying each individual’s limitations in strength, motion and flexibility, and providing information on how to get in better shape while avoiding injuries.

 

In winter, coaches and students on the UB women’s rowing team volunteered each Tuesday and Thursday evening, leading hourlong workout sessions on indoor rowing machines–ergometers, or “ergs”– in Alumni Arena. This spring, the survivors will train in tank facilities that mimic conditions on the water before heading out to row in real boats. Racing is likely.

 

The idea for creating WeCanRow–Buffalo originated from casual conversations between DeMarco and Lisa Wind, a friend who was on a dragon boat team for breast cancer survivors. Research has shown that the sport, which involves paddling in a long, canoe–type vessel, can be an uplifting experience, helping women to regain a feeling of control over their lives after suffering from cancer.

 

Wind and DeMarco, an avid sailor, discussed how fun it would be to row with fellow cancer survivors. Before long, WeCanRow–Buffalo was born, a product of the women’s contagious zeal.

 

“[DeMarco’s] e-mails alone sort of overflowed with enthusiasm,” says Wylegala, whose mother had breast cancer. “When I met her in person for the first time, it was just like, ‘How could I not be part of this?’”

 

The program meets members’ needs in a unique manner. Some breast cancer treatments put women at risk for lymphedema, a condition characterized by swelling of the arm, breast and chest. DeMarco, who takes part in WeCanRow, says the workouts seem to reduce swelling that she experiences as a result of the surgery she underwent.

 

Meanwhile, personal attention from Wylegala and her students can provide a sense of stability and direction to women who have just completed intensive cancer treatments–women who, for the first time since their diagnosis, are no longer meeting frequently with doctors and other caregivers.

 

“It’s wonderful so far,” says Ellen McGrath, MLS ’83, head of cataloging at UB’s Charles B. Sears Law Library and a WeCanRow member. “It’s, I would say, more than I expected it to be. I knew there would be involvement of the UB coaching staff and the physical therapy department, but the enthusiasm that those participants have brought to it has just blown me away, and meeting the other women, and having an intense workout like that, makes it just a wonderful experience on a physical and a mental and emotional level.

 

“In terms of recurrence of breast cancer,” adds McGrath, who battled the disease in 2005, “physical exercise and keeping fit is one of the things I feel I can do to prevent that recurrence.”

 

Rock music blasts from a stereo, adding to the clamor and excitement in a room where fans with giant propellers whir, turning to keep the space cool. More than a dozen women, all ages, slide backward and forward on indoor rowers, pulling, with all their strength, on the machine handlebars that mimic oars.

 

Students and coaches on the women’s rowing team are making rounds, instructing participants on proper posture and how to move. It is early December, and the sport is still new for most WeCanRow-Buffalo members.

 

The survivors sometimes exchange tidbits of information about their diagnosis, treatment and rehabilitation, but the focus is on exercise. As McGrath, 50, says, “In some ways, we don’t need to talk about it, because we know, when we’re in that room, that everybody knows what we’ve been through and [has] dealt with the uncertainty, the pain, the fear.”

 

Still, each woman has a story. Anne Kist, EdM ’82 & BS ’76, a 55-year-old breast cancer survivor who worked for 32 years as a physical education teacher at St. Mary’s School for the Deaf in Buffalo, loves the full–body workout WeCanRow–Buffalo provides.

 

Sally Munschauer, a breast and colon cancer survivor in her 80s who was battling lung cancer when she joined DeMarco’s program, had been a rower for about two decades.

 

“You’re using legs, arms, the whole body. I find it very rhythmic and pleasing in that way, and very satisfying when everybody’s on the same page and all together,” Munschauer says. “There are no prima donnas in the boat who think they’re better than anybody else. That doesn’t work. Everybody has to be with it together and want to work together to get that shell moving as one. And there’s nothing better than that feeling at the start, when the coxswain tells you, ‘Ready all’... and you feel that shell lift off the water and you just take off. There’s nothing like it, and I’ve done a lot of sports.

 

“I want to get back on the water this summer,” Munschauer says. “That’s my goal.”

 

And then of course, there is DeMarco, with her huge heart and enthusiasm. Elizabeth Ostermeier, assistant women’s rowing coach, says she hopes the survivors’ narratives will help her student athletes grow stronger and face their own challenges with courage and dignity.

 

Danielle Carlino, a freshman on the rowing team whose mother was recently diagnosed with breast cancer, is one of many volunteers already drawing inspiration from the stories of the women of WeCanRow. Their resilience is astonishing, she says: “They are determined and willing to get back into shape and be fit and continue on with their lives after such a huge milestone.

 

“I can’t wait,” says Carlino, “until they actually get to go on the water on a boat, because every day they’re learning something new, something exciting.”

 

Charlotte Hsu, formerly a reporter for The Las Vegas Sun, is a staff writer with University Communications.

 

Strokes e la forza
programma di canottaggio UB consente ai sopravvissuti al cancro al seno
Storia di Charlotte Hsu; Foto di Douglas Levere, '89 BA
L'anno più difficile della vita di Lisa DeMarco ha avuto inizio con un nodulo ha scoperto sotto la sua ascella sinistra, e si è conclusa con la chemioterapia, la radioterapia e interventi chirurgici per rimuovere le ovaie e entrambi i seni. "Posso paragonare a un edificio che implode solo. Questo è il genere di come ci si sente dentro, "DeMarco, BS '90, un chiropratico a Depew, N. Y., dice della sua scoperta nel febbraio 2008 che aveva il cancro al seno.
I suoi cari, così come i pazienti chiropratica che il suo acclamato, l'hanno aiutata a farlo attraverso i mesi di trattamenti, esami e le operazioni che la trasformò in un sopravvissuto nel mese di ottobre dello stesso anno.
Come parte del suo processo di riabilitazione, DeMarco, 43, uniti con UB alla fine del 2009 per creare un programma di canottaggio per aiutare i sopravvissuti al cancro femminili costruire la loro forza e immagine di sé. Si spera che il gruppo, WeCanRow-Buffalo, contribuirà a garantire che altri sopravvissuti al cancro non si trovano di fronte a sfide da solo.
DeMarco ricorda i amici e la famiglia di differenza fatte durante la sua prova. L'hanno consolato quando è risultato positivo per una mutazione genetica associata ad un aumentato rischio di cancro al seno. Rimasero per lei quando ha scelto di sottoporsi a una mastectomia bilaterale e un ovariectomia per rimuovere le ovaie, e, dopo tutto era finito, hanno aiutata a guarire.
"La mia rete di sostegno è stato incredibile", dice DeMarco. «E questo è davvero quello che si ottiene attraverso di essa quando la vita è nuda come sta andando a [ottenere].
"Questo, per me, è ciò che questo è davvero tutto. Ho avuto una grande rete di supporto, e davvero quello che sto sperando che questo programma può fare è raggiungere le persone ", dice DeMarco. "Si tratta di sopravvivenza. Si tratta di, 'Sai una cosa? Facciamo in modo che il nostro corpo sano come il possibile per continuare a combattere questa malattia '.
"Bisogna iniziare a ricostruire", dice DeMarco.
Ognuno di più di una dozzina di donne in WeCanRow-Buffalo è in una diversa fase di recupero. Coloro che sono stati esenti da cancro più a lungo ispirare coloro che solo di recente ha battuto la malattia.
Il gruppo, un capitolo regionale del programma WeCanRow nazionale medaglia d'oro olimpica vogatore di Holly Metcalf fondata nel 2002, sfrutta i punti di forza di UB di atletica e di salute pubblica per potenziare e promuovere una vita sana tra i partecipanti.
Per cominciare, gli studenti di dottorato presso il Dipartimento di UB di riabilitazione Scienza, con la guida di Juli Wylegala, PhD '05 e '92 MS, una clinica assistente professore, proiettati ogni membro WeCanRow-Buffalo, individuando i limiti di ogni individuo in forza, movimento e flessibilità, e fornire informazioni su come ottenere in forma migliore, evitando lesioni.
In inverno, allenatori e studenti in squadra di canottaggio femminile UB volontariamente ogni Martedì e Giovedi sera, conduce sessioni di allenamento durata di un'ora sul remi macchine-ergometri al coperto, o "erg" - in Alumni Arena. Questa primavera, i sopravvissuti si allenerà nelle strutture del serbatoio che simulano le condizioni in acqua prima di uscire a remare in barca reali. Racing è probabile.
L'idea per la creazione di WeCanRow-Buffalo origine da conversazioni casuali tra DeMarco e Lisa vento, un amico che era su una squadra di dragon boat per i sopravvissuti al cancro al seno. La ricerca ha dimostrato che lo sport, che coinvolge remare in una lunga, vaso canoa-tipo, può essere un'esperienza esaltante, aiutare le donne a ritrovare un senso di controllo sulla propria vita dopo aver sofferto di cancro.
Wind e DeMarco, un velista appassionato, discusso di come sarebbe divertente remare con gli altri sopravvissuti al cancro. In poco tempo, WeCanRow-Buffalo è nato, un prodotto di zelo contagiosa delle donne.
"E-mail [di DeMarco] sola specie di traboccava di entusiasmo", dice Wylegala, la cui madre aveva il cancro al seno. "Quando l'ho incontrata di persona per la prima volta, è stato come, 'Come potrei non essere parte di questo?'"
Il programma soddisfa le esigenze dei membri in modo unico. Alcuni trattamenti contro il cancro al seno mettono le donne a rischio di linfedema, una condizione caratterizzata da gonfiore del braccio, della mammella e al torace. DeMarco, che prende parte a WeCanRow, dice gli allenamenti sembrano ridurre il gonfiore che si verifica a seguito di un intervento chirurgico ha subito.
Nel frattempo, l'attenzione personale da Wylegala ei suoi studenti in grado di fornire un senso di stabilità e la direzione per le donne che hanno appena completato intensivi cancro trattamenti a donne che, per la prima volta dal loro diagnosi, non sono più riuniti frequentemente con i medici e altri operatori sanitari.
"E 'meraviglioso finora", dice Ellen McGrath, MLS '83, capo di catalogazione a Charles B. Sears Law Library di UB e membro WeCanRow. "E ', direi, più di quanto mi aspettavo che fosse. Sapevo che ci sarebbe stato il coinvolgimento dello staff tecnico UB e il reparto di terapia fisica, ma l'entusiasmo che i partecipanti hanno portato ad essa mi ha appena spazzato via, e incontrare le altre donne, ed avendo un allenamento intenso come quello, lo rende solo una meravigliosa esperienza su un fisico e un livello mentale ed emotivo.

 

"In termini di recidiva di cancro al seno", aggiunge McGrath, che ha combattuto la malattia nel 2005, "l'esercizio fisico e mantenersi in forma è una delle cose che mi sento di poter fare per evitare che la ricorrenza".
esplosioni di musica Rock da un impianto stereo, aggiungendo al clamore e l'entusiasmo in una stanza in cui i fan con eliche giganti ronzio, girando per mantenere lo spazio fresco. Più di una dozzina di donne, di tutte le età, scorrono avanti e indietro su rematori al coperto, tirando, con tutte le forze, sul manubrio della macchina che imitano i remi.
Gli studenti e allenatori sulla squadra di canottaggio femminile stanno facendo turni, istruire i partecipanti sulla corretta postura e come muoversi. E 'l'inizio di dicembre, e lo sport è ancora nuovo per la maggior parte dei membri WeCanRow-Buffalo.
I sopravvissuti a volte scambiano bocconcini di informazioni sulla loro diagnosi, cura e riabilitazione, ma l'attenzione è su esercizio. Come McGrath, 50, dice: "In un certo senso, non abbiamo bisogno di parlarne, perché sappiamo, quando siamo in quella stanza, che tutti sanno ciò che abbiamo passato e [ha] ha trattato il incertezza, il dolore, la paura. "
Eppure, ogni donna ha una storia. Anne Kist, EdM '82 e '76 BS, un 55-year-old sopravvissuto al cancro al seno che ha lavorato per 32 anni come insegnante di educazione fisica a scuola St. Mary per sordi a Buffalo, ama l'allenamento per tutto il corpo WeCanRow-Buffalo fornisce.
Sally Munschauer, un seno e del colon sopravvissuto al cancro nei suoi anni '80 che stava combattendo il cancro ai polmoni quando si è unita il programma di DeMarco, era stato un vogatore per circa due decenni.
"Si sta utilizzando gambe, braccia, tutto il corpo. Trovo molto ritmico e piacevole in quel modo, e molto soddisfacente quando tutti sono sulla stessa pagina e tutti insieme ", dice Munschauer. "Non ci sono prime donne nella barca che pensano di essere meglio di chiunque altro. Che non funziona. Ognuno deve essere con esso insieme e vogliono lavorare insieme per ottenere che il guscio si muove come uno. E non c'è niente di meglio che quella sensazione alla partenza, quando il timoniere si dice, 'Pronto all' ... e si sente quel guscio sollevare l'acqua e basta decollare. Non c'è nulla di simile, e ho fatto un sacco di sport.
"Voglio tornare in acqua questa estate", dice Munschauer. "Questo è il mio obiettivo."
E poi, naturalmente, c'è DeMarco, con il suo enorme cuore ed entusiasmo. Elizabeth Ostermeier, allenatore canottaggio femminile assistente, dice che spera racconti dei sopravvissuti potranno aiutare i suoi atleti studenti crescono più forti e affrontare le proprie sfide con coraggio e dignità.
Danielle Carlino, una matricola sulla squadra di canottaggio la cui madre è stato recentemente diagnosticato un cancro al seno, è uno dei molti volontari già traendo ispirazione dalle storie delle donne di WeCanRow. La loro capacità di recupero è sorprendente, dice: "Essi sono determinati e disposti a tornare in forma e di essere in forma e continuare con la loro vita dopo una pietra miliare del genere.
"Non vedo l'ora", dice Carlino, "fino a che realmente riusciti ad andare in acqua su una barca, perché ogni giorno che stanno imparando qualcosa di nuovo, qualcosa di eccitante."
Charlotte Hsu, un ex reporter per il Las Vegas Sun, è uno scrittore di personale con comunicazioni dell'università.

 


Rowing to Survive Breast Cancer

Ami Dudzinski Mehr Breast cancer survivor, mother, competitive rower and seasoned life sciences software professional.

As I sit here packing my suitcase for another magical Disney vacation, I can’t help but think and have flashbacks about where I was a year ago; and what happened in the 12 months to follow.

I am a young mother and wife, senior director at one of the world’s largest software companies, and competitive rower and one would have thought I had everything going for me. From my first days receiving my all-women’s education, I was groomed to be a leader. I moved to Boston right after college and knew nobody. I had a strong desire to become part of a community and build some new friendships.

Many would ask why I decided to learn to row, but it was that decision that helped me overcome one of life’s greatest challenges — a breast cancer diagnosis. I rowed in one of the world’s largest regattas 12 weeks after a double mastectomy and reconstruction surgery — it was the strength as a rower and athlete that helped me fully recover. Prior to this experience just seeing the word “cancer” really freaked me out. Despite my professional and athletic strength, deep down inside situations like this really consume me.

I was diagnosed with ductal carcinoma in situ (DCIS) in May 2014 following only my second mammogram and having had no family history of breast cancer. 3D Mammography and expert radiologists at one of the large Boston hospitals prompted immediate biopsy and diagnosis for me. Without the advances in mammography my cancer would have gone undetected as it was not palpable and not detectable on older mammography. If I had not listened to my body and pain in my armpit the year before that turned out to be nothing, I may have not been diagnosed until a mammogram at 40.

Following my diagnosis, an angel and breast cancer survivor came into my life and told me that “knowledge was power.” Your first feeling with a diagnosis is to get the cancer out of your body, but surgical decisions are not reversible and you need to take the time to take a breath and get multiple opinions. I had to hear this over and over again before I did my research.

I turned into a project manager for my own health and scheduled appointments with four teams of doctors to learn as much as I could about my treatment options. My rowing aspirations, family situation, cosmetic options for reconstruction, and long term health all weighed into my decision. I chose to take the most aggressive approach — a double mastectomy with immediate reconstruction. It was one surgery, six weeks of recovery, and then I could prepare for rowing in the fall with the support of a team of trainers and other professionals.

You might read this and say, this is just another story about a breast cancer survivor. I can see your point but hope you will read on.

There is no one size fits all for dealing with these situations, and I feel the way I approached my journey and recovery can empower other women. I didn’t let cancer define me, but instead tried to look at the good that would come out of the situation to help other women. Given the rise in breast cancer in women under 40 and given my background in the life sciences software industry there has been much that I learned on this journey that I feel needs to be shared with other women. I have signed up to be in clinical trials and would recommend that any other survivor consider it as well. I learned some key messages on my journey:

  1. All people need to listen to their bodies and ensure they see their doctor when they feel something isn’t right — you are in control of your own health
  2. Setting a goal provides strength in a cancer diagnosis, treatment, and recovery
  3. Young women diagnosed with breast cancer have additional factors that weigh into their decision for breast cancer treatment and 3D mammography should be available more widely to women
  4. Cutting edge surgical options make treatment easier for women and help women feel at peace with themselves, preserve their body, and return to the life they love more quickly
  5. Taking a cancer diagnosis public will help others and promote valuable lessons

There are endless resources on breast cancer, but I remember it was tough to simplify it all. I relied on my angels to shine a light for me. Nobody told me to seek them out, but they were critical in my care. Despite how my body was feeling during the recovery, I wanted to help others and got involved with my crew team with Pull for a Cure to raise funds for the American Cancer Society’s Making Strides for Breast Cancer Walk. I went public with my story during breast cancer awareness month on one of the local news stations in Boston. It felt weird to be out in public and to hear the works “survivor” as I had always associated that with other people — it was now part of my new personal brand.

I told myself as soon as I crossed the finish line of the race that I was putting my whole journey behind me. I felt empowered rowing down the Charles River in all pink and was hoping that my story and message would help other women. What I didn’t realize was that just a few weeks later I would learn that my own mother would be diagnosed with DCIS in both breasts - just six months after me. She asked for a 3D mammogram for her annual screening and it was my diagnosis that saved her life. I had my mom in Boston within 24 hours of her diagnosis and in my doctor’s offices; it was surreal sitting in the chair in the exam room and not on the exam table.

I was still a patient with very fresh scars, but had to instantly become a caregiver for my mom. I quickly saw my journey flash before my eyes and worked with her to set a goal — to pass on my strength to battle one of the greatest challenges of her life.

Follow Ami Dudzinski Mehr on Twitter: www.twitter.com/amimehr

Canottaggio per sopravvivere al cancro al seno
Ami Dudzinski Mehr Il cancro al seno superstite, madre, vogatore competitivo e condito scienze della vita software professionale.
Mentre sono seduto qui la valigia per un'altra vacanza magica Disney, non posso fare a meno di pensare e di avere dei flashback su dove ero un anno fa; e ciò che è accaduto nei 12 mesi a seguire.
Sono una giovane madre e moglie, senior director presso una delle più grandi società di software al mondo, e vogatore competitivo e si sarebbe pensato che avevo tutto quello che succede per me. Dai miei primi giorni hanno ricevuto l'istruzione di mio tutto-donne, sono stato curato per essere un leader. Mi sono trasferito a Boston subito dopo il college e sapeva nessuno. Avevo un forte desiderio di diventare parte di una comunità e costruire nuove amicizie.
Molti sarebbero chiedono perché ho deciso di imparare a remare, ma era quella decisione che mi ha aiutato superare una delle più grandi sfide della vita - una diagnosi di cancro al seno. Ho remato in una delle più grandi regate del mondo 12 settimane dopo una doppia mastectomia e ricostruzione chirurgia - è stata la forza come un vogatore e atleta che mi ha aiutato a recuperare pienamente. Prima di questa esperienza solo vedere la parola "cancro" mi ha veramente fuori di testa. Nonostante la mia forza professionale e sportivo, profonde situazioni giù all'interno come questo veramente mi consumano.
Mi è stato diagnosticato un carcinoma duttale in situ (DCIS) maggio 2014 in seguito solo il mio secondo mammografia e di aver avuto una storia familiare di cancro al seno. 3D mammografia e radiologi esperti in uno dei grandi ospedali di Boston hanno spinto biopsia immediato e la diagnosi per me. Senza i progressi nella mammografia mio cancro sarebbe andato inosservato perché non era palpabile e non rilevabile sulla mammografia più vecchio. Se non avessi ascoltato il mio corpo e il dolore nella mia ascella l'anno prima che si è rivelato essere niente, io non sono stato diagnosticato fino a quando una mammografia a 40.
Dopo la mia diagnosi, un angelo e il cancro al seno superstite è entrato nella mia vita e mi ha detto che "la conoscenza è potere." Il tuo primo feeling con una diagnosi è quello di ottenere il cancro fuori del corpo, ma le decisioni chirurgiche non sono reversibili ed è necessario prendere il tempo di prendere un respiro e ottenere molteplici opinioni. Ho dovuto sentire questo più e più volte prima ho fatto la mia ricerca.
Ho trasformato in un responsabile di progetto per la mia salute e appuntamenti con quattro squadre dei medici previsto per imparare il più che potevo su mie opzioni di trattamento. Le mie aspirazioni di canottaggio, la situazione familiare, opzioni di cosmetici per la ricostruzione, e la salute a lungo termine tutti pesato nella mia decisione. Ho scelto di prendere l'approccio più aggressivo - una doppia mastectomia con ricostruzione immediata. E 'stata una chirurgia, sei settimane di recupero, e quindi ho potuto preparare per il canottaggio in autunno con il supporto di un team di formatori e altri professionisti.
Si potrebbe leggere questo e dire, questa è solo un'altra storia di un sopravvissuto al cancro al seno. Posso vedere il tuo punto, ma spera che vi leggere.
Non c'è nessuno taglia unica per affrontare queste situazioni, e mi sento il modo in cui mi sono avvicinato il mio viaggio e il recupero può autorizzare altre donne. Non ho lasciato il cancro mi definiscono, ma invece cercato di guardare al bene che sarebbe venuto fuori della situazione per aiutare altre donne. Dato l'aumento del cancro al seno nelle donne sotto i 40 anni e dato il mio background nel settore del software scienze della vita si è molto che ho imparato in questo viaggio che mi sento deve essere condivisa con altre donne. Ho firmato per essere in studi clinici e lo consiglio che qualsiasi altro superstite considerano pure. Ho imparato alcuni messaggi chiave sul mio cammino:
1. Tutte le persone hanno bisogno di ascoltare i loro corpi e di garantire che vedono il loro medico quando si sentono qualcosa non è giusto - si è in controllo della propria salute
2. L'impostazione di un obiettivo fornisce la resistenza a una diagnosi di cancro, il trattamento e il recupero
3. Le giovani donne con diagnosi di cancro al seno hanno ulteriori fattori che pesano nella loro decisione per il trattamento del cancro al seno e la mammografia 3D dovrebbero essere disponibili più ampiamente alle donne
4. bordo di taglio opzioni chirurgiche rendere il trattamento più facile per le donne e aiutare le donne a sentirsi in pace con se stessi, preservare il loro corpo, e tornare alla vita che amano in modo più rapido
5. Prendendo un pubblico diagnosi di cancro sarà aiutare gli altri e promuovere preziose lezioni
Ci sono infinite risorse sul cancro al seno, ma mi ricordo che era difficile per semplificare il tutto. Mi sono affidato a miei angeli a brillare una luce per me. Nessuno mi ha detto di cercare fuori, ma erano critici nella mia cura. Nonostante come il mio corpo si sentiva durante il recupero, ho voluto aiutare gli altri e stato coinvolto con la mia squadra equipaggio con Pull per una cura per raccogliere fondi per Strides Making L'American Cancer Society per la Breast Cancer Walk. Sono andato pubblico con la mia storia durante l'allattamento al mese consapevolezza del cancro in una delle stazioni di notizie locali a Boston. Era strano per essere fuori in pubblico e per ascoltare le opere "sopravvissuto" come avevo sempre associato che con altre persone - era ormai parte del mio nuovo marchio personale.

Mi sono detto, non appena ho tagliato il traguardo della gara che stavo mettendo tutto il mio cammino dietro di me. Mi sono sentito Empowered remi lungo il fiume Charles in tutto rosa e speravo che la mia storia e il messaggio sarebbe aiutare altre donne. Quello che non mi rendevo conto che era solo un paio di settimane più tardi avrei imparato che mia madre sarebbe stato diagnosticato un carcinoma duttale in situ in entrambi i seni - appena sei mesi dopo di me. Ha chiesto per una mammografia 3D per il suo screening annuale ed era la mia diagnosi che ha salvato la vita. Ho avuto la mia mamma a Boston entro 24 ore dalla sua diagnosi e negli uffici del mio medico; E 'stato surreale seduto sulla sedia nella sala d'esame e non sul tavolo degli esami.
Ero ancora un paziente con cicatrici molto fresco, ma ha dovuto diventare istantaneamente un caregiver per la mia mamma. Ho visto subito mio flash viaggio davanti ai miei occhi e ho lavorato con lei per fissare un obiettivo - di trasmettere le mie forze per combattere una delle più grandi sfide della sua vita.
Seguire Ami Dudzinski Mehr su Twitter: www.twitter.com/amimehr